"Undone": ecco perchè dovreste vedere la nuova serie di Amazon Prime Video

UNDONE

“Undone” racconta la storia di Alma, una ragazza che dopo un incidente automobilistico scopre di riuscire a percepire altre dimensioni oltre alla realtà stessa. Tutto ciò le permetterà di scoprire cosa si cela dietro la morte del padre, avvenuta molti anni prima…

Voto : ⭐ ⭐ ⭐ ⭐ ⭐

TRAMA

Alma è una ragazza con una vita abbastanza monotona: convive con Sam, è educatrice di scuola materna e non è particolarmente entusiasta della sua routine quotidiana. Un bel giorno rischia la vita in un incidente stradale e scopre, una volta risvegliata in un letto d’ospedale, di poter viaggiare nel tempo e nella realtà. Questo le permetterà di manipolare gli eventi ma non solo: riuscirà a scoprire cosa si cela dietro la morte di Jacob, suo padre, scomparso molti anni prima.

UNDONE-1024x576 "Undone": ecco perchè dovreste vedere la nuova serie di Amazon Prime Video
UNDONE (fonte: Google.it)

CONSIDERAZIONI

Undone” racconta una e più storie. Realizzata con la tecnica “rotoscope“, questa serie tv in onda su Amazon Prime Video è una delle più originali che io abbia mai visto.

I PROTAGONISTI

Alma Winograd-Diaz interpretata da Rosa Salazar, è una donna di circa 30 anni schiacciata dalle convenzioni sociali: sposarsi, avere dei figli, seguire una vita lineare. Non è roba per lei, no. Convive con Sam, che invece è molto più “regular” di lei: vorrebbe una famiglia, dei figli, le riunioni di famiglia, e cose così. A complicare il quadro c’è la sorella Becca, in procinto di sposarsi, e la madre Camila, sempre pronta a scagliarsi contro Alma in qualsiasi momento (vedi alla voce: “ehi, perchè non metti a posto la testa come tua sorella?”).


A seguire il filo di Alma c’è però un altro personaggio importante: Jacob Winograd, ossia il padre di Alma morto qualche anno prima, a.k.a. Saul Goodman (Bob Odenkirk).

LA REALTA’

Il terremoto che scatena lo tsunami lo abbiamo con l’incidente stradale di Alma. Il ritrovarsi in una camera d’ospedale fa sì che Alma cominci a cambiare prospettiva nei confronti dell’ambiente che la circonda. Inizia a vedere il padre intorno a lei, comincia a dialogare con lui e ad interagire con lui, fino a che non sa più quale sia la realtà tangibile e quale no.

Attorno a lei, però, i famigliari sono sempre più preoccupati.
Qui sono stati strepitosi i creatori, Raphael Bob-Waksberg (che ritroviamo in BoJack Horseman e Tuca & Bertie, ad esempio) e Kate Purdy. Lo spettatore si ritrova ben presto a confondere realtà e finzione esattamente come la nostra protagonista, ritrovandosi snervato dalle continue apparizioni e dai continui mutamenti percettivi. Ciò che si cela dietro questa serie tv è un messaggio che va oltre il racconto. Non voglio spoilerare nulla a nessuno ma si tratta di un argomento molto importante.

DA VEDERE PERCHE’

Lo studio “The Tornante Company” ha firmato, oltre ad “Undone”, anche quel capolavoro (che volgerà al termine a brevissimo, purtroppo) che è “BoJack Horseman”. Il lavoro che c’è dietro è immane, e regia, fotografie e musiche sono assolutamente di livello. Otto episodi che si lasciano guardare uno dopo l’altro e che vi lasceranno un pò d’amaro in bocca. Una bella storia, ben costruita.


Altra nota molto positiva: “Undone” è stata rinnovata per una seconda stagione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *