NOVA: Stelle o Sparo

Bao Publishing ci regala un altro esordio, quest’anno, con NOVA ed il suo “Stelle o Sparo“.

Nova, autodefinitasi “l’Eurospin del fumetto italiano“, viene in realtà già accostata ad un altro grande nome della matita contemporanea: ZeroCalcare. Ciò che distanzia – perlomeno per ora – Zero da Nova sono le tematiche ed il modo di affrontarle. Il primo si basa su solide trame ed argomentazioni, puntando verso una nostalgia di fondo sempre citata e mai nascosta, mentre la seconda si aggira nei meandri più “adolescenziali” della storia.

TRAMA

Stella ha un enorme fardello che si porta appresso da più o meno quando è nata: l’esistenza. L’esistenza fossile ma in mutamento, opprimente e liberatoria, che ti minaccia proprio mentre stai per addormentarti la sera. La sua vita scorre così, tra mille interrogativi a cui non riesce mai, puntualmente, a trovare risposta e all’attrito emotivo, fedele compagno di vita.

(Un estratto)

Un giorno però Ed, amica di Stella, la invita a passare una vacanza in mezzo al niente proprio per “ritrovarsi”. L’incontro con un giovane strambo ragazzino, Cosmo, affetto dallo stesso “male di vivere”, la riavvicinerà (forse) al senso della vita.

CONSIDERAZIONI

Un bel debutto, non c’è che dire. Sono rimasto piacevolmente colpito dal modo di disegnare di Nova, molto punk e libero,e tutto questo lascia trasparire un puro talento verso quest’arte. Finito questo volumetto – non so perché – ho pensato e sussultato: “cazzo…!”. Mi ha scosso. Mi ha smosso qualcosa dentro. Qualcosa da limare ancora c’è, logicamente. Intanto, a quasi 32 anni, sono un po’ dalla parte di chi pensa che l’iconografia grunge sia un po’ inflazionata (i riferimenti ai Nirvana sono presenti anche qui). In secondo luogo probabilmente la trama è un po’ friabile e in alcuni punti sconclusionata: il lettore si pone certi interrogativi a cui Nova non risponde (per ora?). Ma questo è – ribadisco – un esordio, e come tale può e deve essere migliorato. Ne ho sentito parlare tanto, l’ho preso (nella numerata versione Variant di ZeroCalcare) e non me ne sono pentito affatto.

Sentimentale.

Vai così Nova, ci vediamo alla prossima.

(Il retro della versione variant di ZeroCalcare)
(Il front della versione variant di ZeroCalcare)

(L’artwork ufficiale di “Stelle o Sparo”)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *